sabato 4 dicembre 2010

Partire è un pò morire...


Quando arrivi, quando torni nella tua città tutto sembra avvolgersi in una magia senza tempo, il clima, gli odori, i sapori, i volti , le strade che indelebili sono dentro di te come una foto che richiami nel tuo cuore tutte le volte che vuoi...e nel tuo cuore albergano i ricordi che riaffiorano sull'onda dell'entusiasmo, soprattutto quelli felici,in cui, nelle sere di solitudine,lontano da casa, da quella stessa casa da cui sei voluta "fuggire",tante volte hai cercato tepore, riparo, in cui ti sei cullata chiudendo gli occhi e facendoti avvolgere da quell'aura infinita di benessere che ti fa addormentare con un sorriso ed una lacrima, che convivono senza stonare...eppure, quando torni, qualcosa è cambiato, una ruga in più sui volti dei tuoi cari, un'abitudine persa e mai più ritrovata, un gingillo nella tua casa natìa che è stato spostato o addirittura buttato e che tu vivi come un sacrilegio, un gesto quasi blasfemo!!!...Eppure molto è cambiato, la tua immagine riflessa in quello specchio che ti ritraeva un pò bruttina, brufolotica, con gli occhiali e occhiaie da secchiona che hanno lasciato spazio ad una donna...una moglie...una mamma...tante cose sono andate, tante si sono spostate i luoghi senza tempo, senza spazio, tante non ritorneranno mai più...ti dici che è giusto che sia così, che è la vita, che è avanti che bisogna guardare, ti appelli al tuo ottimismo, alla fede, ai tuoi credo e costringi i tuoi occhi, quelli del cuore, a guardare al futuro...eppure qualcosa è cambiato...qualcuno è cambiato...tu sei cambiata...e raccogli il tutto nel tuo baule che non sai se mettere in soffitta o trascinarti dietro, in un'immagine un pò sfocata che il primo pannolino del tuo cucciolo domattina porterà via, accantonando la malinconia e facendoti credere che tutto, tutto, ma proprio tutto ( raccontandoti una dolce bugia) durerà per sempre...

4 commenti:

  1. ...e invece nulla dura per sempre mia cara Potolina ...e questi momenti di smarrimento nel rendertene conto, sono gli schiaffi della vita, la stessa che però ci regala sempre qualcosa che guarisce tutto.........il tempo!
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. ..mi sono rivista moltissimo in questo post,i saluti alla mia famiglia diventano sempre più veloci e sofferti e quando salgo sul pullmann per l'aeroporto le lacrime sono standard ormai...le mie strade di sempre,i profumi della mia terra,tutto mi manca e tutto sembra allontanarsi da me,dimenticarsi di me.Ma la vita è movimento ..e bisogna guardare avanti.
    Passa da me se ti va sto regalando un pensierino piccolo piccolo,baci.

    RispondiElimina
  3. Ogni casa ha il suo odore inconfondibile. Qualcosa che ti eccita e ti spaventa. Come quando torni a casa dalle vacanze e rimani sul ballatoio, con la porta aperta e le valigie a terra. Indeciso se profanare quella strana penombra...(A.Acatino)

    RispondiElimina

inciuci & commenti...