martedì 17 aprile 2012

Le "beatitudini" terrene!

Ebbene sì, lo devo proprio confessare, se c'è una cosa che mi manda su tutte le furie è quando mi esclamano "Beata te!"...in quel momento mi si ribolle talmente tanto il sangue nelle vene che se mi appoggiate una caffettiera sulla mano...altro che espresso vi faccio!!!!
Ebbene le frasi tipiche sono "Beata te che hai sempre il sorriso stampato in faccia!"- ecco, premesso che non ho nessun tatuaggio eccetto il sorriso sulla pancia che mi ha lasciato il patatino al momento del cesareo, (ma quello non lo metto in bella mostra di certo, tra l'altro è pure nascosto dalla trippa calante! ;-p) - quando mi dicono così penso che quel sorriso è frutto di lotte con me stessa, di fatica, di lavoro quotidiano, di preghiera costante...
Altra frase "Beata te che hai un bambino così buono" - ed io penso che mio figlio non è che è lasciato a se stesso allo stato brado e che non è di certo un selvaggio, il tempo che trascorro con lui penso che contribuisca in buona parte alla sua "bontà" ( è vero sono stata fortunata, ma non credo sia tutto merito della dea bendata!).
"Beata te che sei a casa e non lavori" - bè vivere con un solo stipendio significa anche fare delle rinunce...
"Beata te che non perdi mai la serenità" - bè, aprite il mio cuore in questo momento e tenetevi forte che rischiate di essere risucchiati da un uragano!
Sono cose che proprio mi mandano in bestia perchè qui nessuno ti regala niente e gli sforzi per essere sereni a volte sono davvero sovraumani! A sta gente sapete che dico!?!??! - Beato te che rimani in superficie ! ( anche se poi alla fine non sai che ti perdi!!! )
E scusate lo sfogo ma proprio ce l'avevo in groppo sta cosa!!!!

20 commenti:

  1. ciao Pot
    allora sai che ti dico?...beata me che ho la fortuna di poter condividere con te i pensieri!!
    perchè davvero devi credermi con i tuoi scritti cogli spesso il segno ed è una carezza per l'anima scoprire di non essere sola nonostante la differenza di età!
    ti abbraccio e...resta sempre così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la distanza generazionale è una convenzione....la nostra affinità è una realtà! un bacio!

      Elimina
  2. ogni tanto fai bene a sfogarti perché la gente quando parla non sempre prima pensa !
    tu il sorriso conservalo sempre perchè aiuta tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e quando pensa, pensa male! ehehehehehe...un bacio!

      Elimina
  3. ...conosci il detto: l'erba del vicino e' sempre piu' verde!-?
    ...la natura umana non fa altro che ammirare le cose altrui e non apprezzare le proprie,comunque...non amo molto queste persone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero quello che dici...ma a volte l'erba se la fumano proprio!!! un bacio!

      Elimina
  4. Ciao Poto,
    anch'io non sopporto proprio quando mi dicono "Beata Te..." mi fa andare su tutte le furie perchè se vedono realmente gli occhi delle persone, e non le apparenze, capiscono cosa c'è dietro quel apparente stato di beatitudine!
    Gli occhi sono il vero specchio dell' anima!
    Posso farti una domanda? Qual'è la frase che ti ripeti quotidianamente per avere sempre il sorriso sul tuo volto?Io non riesco sempre a trovare questa forza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non permettere mai
      che qualcuno venga a te
      e vada via senza essere
      migliore e più contento.
      Sii l'espressione
      della bontà di Dio.
      Bontà sul tuo volto
      e nei tuoi occhi,
      bontà nel tuo sorriso
      e nel tuo saluto.
      Ai bambini, ai poveri
      e a tutti coloro che soffrono
      nella carne e nello spirito
      offri sempre un sorriso gioioso.
      Dai a loro
      non solo le tue cure
      ma anche il tuo cuore.
      Madre Teresa di Calcutta

      Elimina
  5. Che persona superficiale dev'essere!?!
    Non meriterebbe risposte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la superficialità dilaga! c'è gente che si lascia galleggiare e si diverte a vedere gli altri nuotare!

      Elimina
  6. Un post favoloso e condiviso in pieno!

    RispondiElimina
  7. Condivido in pieno anche se faccio un distinguo coi "beata te" che mi dicono. Mi fanno più rabbia quelli di persone che mi conoscono bene, parenti e amici ... perchè sanno che ho le mie croci ma sembrano aspettare l'occasione per sbattermi in faccia quel beata te come a volermi suggerire che per una fortuna (su 100fatiche e problemi) dovrei baciare a terra!
    Mi capita di dirlo e il più delle volte come per dire che vorrei avere le stesse cose o essermi trovata nella stessa situazione che la persona in questione racconta, ma trasmettendo che lo dico senza invidia.E appunto mi capita di dirlo con chi conosco meno... sì, ovvio che comunque sbaglio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai proprio colto nel segno! quelle più vicine a te fanno più male, perchè sanno e nonostante tutto "baetivizzano!!!" un abbraccio!

      Elimina
  8. davvero carino questo blog... mi aggiungo volentieri ai lettori...
    buona giornata! anche io ne sento tanti di quei "beata te" ... sì è vero, affronto anche le difficoltà con un sorriso perchè mi dà la forza di andare avanti ... fai bene a farlo anche tu nonostante i tanti ..."beata te" !!
    e grazie per aver curiosato il mio neonato blog ....

    RispondiElimina
  9. ma grazie!!! anche il tuo mi piace e mi piace anche molto il titolo!!!

    RispondiElimina
  10. Come ti capisco! Hai perfettamente ragione!

    RispondiElimina
  11. Già..."beata me" che prendo in mano la vita, non ho paura della fatica, mi ammazzo di lavoro, mi sforzo di coltivare relazioni di qualità e qualche volta godo i frutti di tutto ciò; "beata me" che non perdo tempo a radiografare la vita degli altri, ma vivo la mia!
    Qualche volta, a chi mi ha fatto questo commento, ho risposto che se voleva i miei risultati poteva fare il mio percorso...

    RispondiElimina
  12. a volte costerebbe così poco sostituire un "Beata te" con " Ti ammiro per questa cosa..." oppure " Bè sei brava a gestire tutto con un solo stipendio"....il "il Beata te" proprio non lo concepisco...ti svilisce ed è irrealista perchè , a parte i "gratta e vinci", nella vita la dea bendata ha davvero poco spazio!

    RispondiElimina
  13. Il linguaggio convenzionale a volte nasconde la superficialità che tu giustamente rilevi. Si vogliono ottenere massimi risultati con minimi sforzi, e ci si illude quindi che i risulatati degli altri siano attribuibili alla fortuna, e non al merito.
    Per questo l'Italia è sull'orlo del collasso.

    RispondiElimina

inciuci & commenti...