martedì 26 giugno 2012

Blog a riposo!

E Potolina & family chiude i battenti per riaprirli a settembre...un anno di blog ricco di emozioni, risate, incontri speciali, premi, contest, corrispondenza via web e pensieri sparsi...un anno di vita condiviso con persone uniche e speciali in cui la tastiera ed il video non sono che ponti per la connessione di anime...che poi quando ci si incontra è pure meglio! Buone vacanze e ....qualche indizio sul luogo dove Potolina trascorrerà le vacanze con Potolino e Patatino...vediamo chi indovina!

Mare
Sole
Italia
un golfo
un faro in lontananza
traghetti
un carcere in mezzo al mare
una via romana molto antica
fantastico
orizzonte
rosso tramonto
mare incantevole
indimenticabili
atmosfere!

ciao ciao!

giovedì 14 giugno 2012

Un cuore di....alluminio!


Non lasciatevi ingannare dalle apparenze!Quella che vedete alla vostra sinistra non è una giraffa del Madagascar...no, vi sembra, assomiglia ad una giraffa ma in realtà...sono io!!! Se volete vedere Potolina davanti ad una vetrina di oggetti che le piacciono eccola! Questa è la faccia che ho fatto stamattina davanti alla vetrina di un negozio di Torino, in centro, mentre andavo al mercato con marito e Patatino. La cosa bella è che ci sono passata davanti una volta....poi ho detto al maritino - Aspetta un attimo, torno subito - sono ritornata dal maritino e Patatino dopo cinque minuti e ho detto - Senti, ho pensato, perchè non entriamo un "attimino" in quel negozietto? Quanti soldi hai tu? - Ecco, lì mio marito ha capito che saremmo tornati a casa come al solito, con i soliti centesimi in saccoccia e i soldi di carta via, distribuiti a mò di volantino in giro per Torino! ...Ad ogni modo entriamo e ci sembra di essere catapultati in Oriente, arredamento etnico, monili, gioielli e....dove casca l'occhio? Su un bancone pieno di gioielli di alluminio riciclato proveniente dal Madagascar...orecchini, bracciali, pendenti, collane...e chi più ne ha più ne metta...Inizio a provare tutto...tanto che ad un certo punto sembravo una di quelle statue della Madonna durante le processioni, piena di gioielli, corone del rosario, ex-voto...e se provavo a muovere un passo sembravo una mucca ( e non sto a spiegarvi perchè, perchè il perchè è evidente!!!) con campanaccio al collo per il tintinnìo che "emanavo"!!!! Quando mio marito, non so se impietosito, spazientito o per tagliare quanto prima la corda ( sapeva che sarei stata capace di rimanervici dentro fino all'indomani) mi fa - Senti Potolina, prendi qualcosa...- Ed io - Ma nooooo, ma daiiii, davvero???? No, su mi dispiace!!!! - E intanto già avevo al polso un bracciale a forma di cuore bellissimo!!! Così mi avvicino per pagare e chiedo alla proprietaria del negozio se posso fare qualche foto che poi metterò sul mio blog...!!! Ed ecco il mio tour nel negozietto di stamattina! E , dulcis in fundo, ho potuto fare sfoggio dei miei bellissimi bigliettini da visita!!! Mio marito ha detto che ho la faccia come il lato B...bè, se è come quello di Belen, buon per lui, significa che non dovrà allungare il collo per "ammirarlo" e così assomigliare lui ad una giraffa...!!! ;-P





Il negozio è
CONTAINER CONCEPT STORE
Via del Carmine, 11 ( angolo via dei Quartieri) Torino
te. 011.0202166
containertorino@dealab.it
www.containerconceptstore.it

e sappiate che questo post NON e' Una MARCHETTA....!!!
p.s. indovinate un pò quanto ho pagato il braccialetto????

lunedì 11 giugno 2012

Il fuoco non brucia...


Domenica dai nuoceri. Dopo pranzo andiamo in giardino quando mio nuocero esclama: "Queste maledettissime zanzare mi stanno rendendo neRvotico! Prendo la citronella e le ammazzo tutte!" All'improvviso si trasforma in zorro con un accendino a mò di spada e accende tutti vasetti di citronella che ha in casa, tanto che dall'odore sembra essere finiti in un detersivo al limone, ci mancavano soltanto le bollicine! Mette uno di questi vasetti sul tavolino in giardino, prende il patatino in braccio che, come prevedibilissimo, tenta di afferrare il vasetto di citronella attratto dalla fiamma che produce...quando il nuocero prende la manina del patatino e gliela passa sulla fiamma dicendo "Ecco, vai, senti, così lo perdi il vizio di avvicinarti al fuoco!"...Non vi dico la faccia mia e di mio marito che urliamo all'unisono "Noooooooo!!!"....Alchè mio nuocero esclama:"Ma questo fuoco non brucia!"...forse questo fuoco no ( come no!?!??!) ma tu ti sei incendiato il cervello, ti sei bruciato l'unico neurone sopravvissuto che avevi, hai dato fuoco anche alla benchè minima possibilità di affidarti il Patatino anche solo per cinque minuti...!!! E comunque se il fuoco non brucia vieni qua, vieni, che dò sfogo io su di te alle mie tendenza da piromane ( ho detto PIromane, non petomane, che avevate capito!?!?!). Stendiamoci un velo pietoso, possibilmente ignifugo! SENZA PAROLE

domenica 10 giugno 2012

La Blog-Cronaca del Social Family Day!

Avviso ai lettori:Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Qualora alcuno si sentisse offeso nella propria immagine o persona è pregato di sorvolare facendo riferimento alla fantasia perversa e malata, gravemente malata, dell'autrice del blog, nonchè Potolina. Grazie.


Sveglia alle ore 7.00 per poter essere a Milano all'appuntamento con la mitica Scleros alle ore 10.00, destinazione: il Social Family Day. Mi alzo lentamente per non svegliare i miei ometti, quatta quatta mi avvio verso il bagno, doccia, shampoo, phon e quando è il momento di truccarmi per potermi rendere presentabile ( il mio chirurgo estetico è in vacanza e aveva il cellulare spento e Lourdes era un pò troppo scomoda al momento per recarvici in ginocchio sui ceci per chiedere un miracolo) scatta l'ansia da "appuntamento con sconosciuti" al "Social Family Day" per cui la mia pancia comincia a prepararsi per i botti di fine anno. Ok, assecondate le esigenze primarie, mi appresto a truccarmi, matita, mascara, terra quando, toc toc, qualcuno nei "paesi bassi" ha deciso di uscire nuovamente. Ok, ok...intanto le lancette scorrono veloci e l'ansia sale sale ed i suoi effetti scendono scendono...Entro in auto, che non guido da circa due anni e mezzo, e...devo fare benzina, controllo se ho soldi e ...ops ....c'è un centesimo che mi guarda come la bollicina d'acqua solitaria della pubblicità che grida "yiu uhhh, c'è qualcuno!?!?!!" e così scendo e mi reco al bancomat per prelevare, intanto comincio a sudare freddo, è tardi! Torno in auto, accendo la radio ad alto volume e viaaaaaaaa si parte!!!! Mi avventuro nella prima stazione di servizio e attendo il mio turno per fare benzina, passano i minuti e nessuno mi si fila di striscio, intanto vedo che nella fila accanto passano tutti prima di me che sono arrivata prima!!!! Sto per aprire la portiera dell'auto per andare a reclamare quando mi si affianca un'auto che avrà visto la scena e avrà capito tutto e mi dice "Guardi che questo è self service, ha bisogno di aiuto?"..Ed io "No grazie! " e intanto risalgo in auto faccio marcia indietro e mi infilo nella fila "Servito"....ok...i minuti passano...a metà strada Scleros mi avvisa che è arrivata e che mi aspetta...sudo freddo, non vedo il cartello dell'uscita dove dovrei uscire!!! Mi odoro l'ascella ed è già pezzatissima!!! Conto di fermarmi quanto prima e spuzzare un pò di deodorante ma....non c'è tempo! Finalmente arrivo a destinazione e....rullo di tamburi, suonino le trombe....incontro Scleros!!! Incontrare Scleros o la sua caricatura è praticamente la stessa cosa! Un fumetto vivente, un sorriso alla Pollon combina-guai, uno tsunami di simpatia, un'esplosione di colori


 ( Ok Scleros, sì mi sto rivolgendo a te che sghignazzi fiera della mia descrizione, in totale sono 100 euro, poi ti invio la fattura quanto prima!) ....Ci avventuriamo dietro le indicazioni del navigatore satellitare che era stato programmato da Forrest Gump per fare il giro del mondo in 25 minuti...ma questa è un'altra storia...arriviamo al Quanta Village e all'ingresso ci dicono che non c'è più posto per le auto...ok, retromarcia, e parcheggiamo abusivamente in parcheggi riservati ai condomìni...è stata lei, io non c'entro, Scleros è un'istigatrice a delinquere!!! Ok, percorsi finalmente i dieci chilometri che ci distanziavano dal Quanta Village, ne percorriamo altri venti per cercare di capire dove si trova il luogo dell'incontro! Intanto ci raccontiamo la rana e la fava ( a dire il vero io c'avevo un fiatone da paura, considerati i chili di lardo che mi porto dietro da fedele affezionata, mentre Scleros saltellava come un grillo...sottile come un fuscello e pimpante come una quindicenne...al momento della registrazione poco ci mancava che mi avessero chiesto : e sua figlia ha firmato la liberatoria?, riferendosi a  Scleros...vabbè, ma anche questa è un'altra storia)....Dopo aver buttato l'occhio, di Scleros non mio perchè io sò già cecata, nell'aula dove si tenevano le conferenze gremita di mamme e doverosamente ispezionato i bagni, ci rechiamo, sotto consiglio di una mamma facente parte dello staff che ci dava indicazioni come una hostess su di un aereo, verso un'auletta dove possiamo seguire su un mega schermo la conferenza....in realtà in quell'aula c'eravamo solo Scleros ed io...una sorta di aula bunker in cui relegavano le mamme più pericolose! Ci siamo affacciate timidamente ma quando abbiamo capito di essere sole abbiamo incominciato a stravaccare alla grande! Meglio così, ci siamo raccontate vita, morte e miracoli e oltre, abbiamo riso, commentato a voce alta senza nè bip bip nè censure di alcun tipo...cosicchè nessuno ha potuto sentire i nostri" ma che cippa di minchia sta a dì questa?!?!?"...."ma tornatènè da dove sei venuta..." e cose del genere...non tutte di questa portata ovviamente...molte delle cose dette ( da loro, cioè da quelli nel video) erano davvero interessanti....sì...davvero...e dai, non sto scherzando, abbiamo talmente tanto preso appunti che manco la carta igienica delle toilette super-fornitissime ci è bastata! Vabbè...non esageriamo...ok...ok...non abbiamo preso appunti perchè c'abbiamo tutto registrato nelle testa....Ma davvero ci sono stati spunti e testimonianze di mamme blogger che ce l'hanno fatta...a nostra insaputa, ma ce l'hanno fatta! E poi sembravamo due bambine mentre spulciavamo la fantastica bag che ci hanno dato all'ingresso, piena di ricchi premi e cotillon!!! ....

L'organizzazione dell'evento è stato curato nei minimi dettagli, un tavolone per poter lasciare i nostri bigliettini da visita, un pranzo a banchetto gustoso e vario, attività ed intrattenimento per i più piccini...mamme piene di sorrisi e mani di mamme pronte a twittare ovunque e dovunque perchè la tentazione nell'urlare "Io c'ero" vinceva su tutto, location impeccabile...cosa vuoi di più dalla vita? E poi gli incontri fugaci come quello con la simpaticissima Laura di Parola di Laura e quelli fatti di storie vere, di vita vissuta come quelli con la mamma speciale de: La via dei colori e quella frizzante di Mamma con l'Ipad e quella coraggiosissima e super tecnologica con il cucciolo dagli occhi del colore del mare di sette mesi di Geekmom che ti lasciano un segno, e non in fronte! Che altro dire? Che c'era un sole che spaccava le pietre, un caldo che pezzava le ascelle e che molte di noi prima di guardarsi negli occhi si guardavano il decolltè...no...non perchè ve ne fossero di particolarmente abbondanti, ma perchè portavamo tutte un adesivo sul petto con il nostro nome ed il nome del nostro blog! Direi che svegliarsi presto, combattere contro le avversità incontrate, per conoscere Scleros, per partecipare al Social FamilyDay per farsi chilometri in auto e a piedi ne è valsa davvero la pena...W le donne, W le mamme, W le blogger!

Ricordati di VOTARE il tuo preferito QUI!!! 



giovedì 7 giugno 2012

N'ascella sì, n'ascella no!

Avete presente Manuela Arcuri nel film di Verdone "Viaggi di nozze" in cui tutta fiera e orgogliosa mostra la sua ascella con treccina? Ecco...ci sono nella vita scene agghiaccianti a cui sei costretta ad assistere che superano di gran lunga la fantasia!!!
Dovete sapere che adiacente al parchetto dove portiamo il nostro Patatino, c'è una residenza universitaria che spesso ospita ragazzi e ragazze del progetto Erasmus, rinominato da mio marito Progetto Orgasmus e non mi dilungo sul motivo 1) perchè facilmente intuibile 2) perchè mio marito rischierebbe il divorzio!
Ecco, capita quindi, a volte, di trovare sulle panchine del parchetto ragazzi/e che studiano prendendo il sole...oggi, come tutte le mattine, parchetto time. Mentre rincorro il mio Patatino che grida come un ossesso "aioto! aioto!" manco stessi inseguendolo per scuoiarlo, ecco che, mi imbatto in una di queste studentesse che era seduta sulla panchina con le braccia appoggiate allo schienale e il libro appoggiato sulle gambe. Dovete sapere che sono miope...ma non miope e basta...so' proprio cecata! Per cui quando vedo una cosa e voglio fissarla bene devo soffermarmi e socchiudere gli occhi tanto che assumo spesso tratti da orientale! Vabbè, detto ciò, mi sembra di vedere un movimento della mano della ragazza "strano" proprio sotto l'ascella...socchiudo gli occhi mi avvicino un pò e che vedo?!?!?! Che con la mano, con disinvoltura, si stava arricciando i peli delle ascelle come quando uno lo fa con i capelli tra le dita!!! Sono rimasta atterrita!!! Ma non è finita qui!!! La cosa agghiacciante sul serio però  è che questa tipa, dopo aver ravanato ben bene le sue extenscion sotto le ascelle, porta il dito sotto il naso con aria soddisfatta della produzione delle sue "originali" ascelle...Vi giuro che adesso mi sto sganasciando dalle risate al solo pensiero, ma al momento sono rimasta sconcertata e allucinata e mi si sono talmente sgranati gli occhi che ci mancava poco gridassi al miracolo per quanto ho zoommato bene la scena!!! Come dire...n'ascella sì...e l'altra pure!!! ;-P

mercoledì 6 giugno 2012

Il piede sinistro...

Premessa.
Oggi non ero troppo in forma e mi sono svegliata, anzi, mi ha svegliato una simpaticissima sciatica e ( non è vero ma ci credo, sono stata costretta a scendere a terra dal letto con il piede snistro!!!) Da buona napoletana so che non avrei dovuto mai farlo e infatti....Decido comunque di non fare la muffa a casa ed esco...

Al parchetto con il patatino - Signora, ma il cappello del suo bambino è di almeno due misure più grandi, non lo vede che la visiera gli ostruisce la vista? Stia attenta!!! -

mmmmmh!!!

Al mercato, il Patatino piange perchè gli è caduto il cappellino. -Una signora, che gentilmente lo raccoglie dice- Ma Signora, con questo caldo ancora i calzini, ma non vede che suo figlio piange perchè ha caldo??? -

mmmmubble...mmmmmuble!!!

Al bancone di un take -away, avendo fatto tardi, decido di comprare un panino per pranzo...
Potolina- Vorrei questo con humburger, scamorza, pomodoro, salsa provenzale ed insalata...e...
La commessa - Signora, ma allora vuole il VEGETALE, ( e chissà perchè io oggi ho scelto proprio quello con questo nome!!!) c'è scritto qui sopra, non c'è bisogno di leggere tutti gli ingredienti, c'è anche una fila...non vede?

grrrrrrrrrrrrrrr!!!!

In ascensore. Una signora al patatino - Ma come sei cresciuto!!! Che bello che sei -
Ed io: essì, adesso comincia a dire anche qualche parolina!
La signora - E sì, sì , sento tutto da sopra...
Ed io - essì, ogni tanto qualche urletto lo lancia !
La signora - Ma no, si figuri, è un bambino....io sento sempre lei e le sue canzoni...!!! Buona giornata!

mmmhhhh...ggrrrrr....mmmmh!

Appena tornata a casa, ho preso un cuscino, me lo sono messo in faccia e ho urlato:


AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA !!!


con tutta la forza che avevo....ecco...ora non ho voce!!! Giornata NO!!!
Quando le giornate cominciano con il piede sinistro finiscono con la cacca fino al collo!!! Potolina docet!

lunedì 4 giugno 2012

Ikea Time

Ieri anche noi abbiamo partecipato ad un pellegrinaggio....all'Ikea! Migliaia di "fedelissimi"in fila con la "family card"che attendevano il proprio turno per alleggerirsi...il portafogli! Noi ci siamo sentiti talmente leggeri che quasi quasi quando siamo usciti stavamo per spiccare il volo...uccelli svedesi all'orizzonte!
Abbiamo preso una bella poltrona rosso fuoco per noi e una piccola per il patatino, un  "Tappeto- gioco" per il patatino e abbiamo mangiato le mitiche polpettine con purè....Lo so, sono patologica...ma a me l'Ikea mette il buon umore!!!! ;-D In compenso sono entrata nel bagno(uno vero) mentre una signora stava 
mettendo in atto la trasformazione delle....polpettine!!! Che figura! Ma io dico: chiuditi a chiave!!! o no?


p.s. Ieri sera, ore 22,30, mio marito ed io eravamo in piena fase 9 dell''immagine sopra...e non sono le istruzioni del kamasutra!!!! ;-P