Passa ai contenuti principali

Primordiali equivoci!


Ieri pallosissimo e noiosissimo pomeriggio passato tra i banchi di scuola a sciropparmi un corso obbligatorio sulla sicurezza ( grrr!!! ) ...quando nel bel mezzo della riunione un collega si alza, si fa portare il microfono, e rivolgendosi al vice-preside per porgergli un domanda esordisce così: " Lei per esempio, prof. Pincopallino, in qualità di vicepreside di questa scuola e che fa le feci  della preside....."....co...cosa? Ho capito bene....fa le FECI della preside!!?!??!?! Ci guardiamo tutti perplessi ma almeno ringraziamo il collega per l'unica nota, diciamo ...colorata, del pomeriggio!!!! ;-D

Commenti

  1. Buahahahahahahaha!!!! Ma almeno se ne è accorto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. dici quando in trenta persone gli abbiamo riso tutti in faccia:....???? ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari è da 40 anni che dice così...... e stampa moduli con su scritto: Firma del Pincopallo o di chi ne fa le feci :-)))))

      Elimina
  3. Aveva anche lui la gastroenterite?! ;D

    RispondiElimina
  4. Poverino!!!! Avrà voluto sprofondare!!!

    RispondiElimina
  5. mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm meno male che era solo colorata e che per la vergogna non si è odorata!!

    RispondiElimina
  6. Parlando di equivoci...

    Situazione: riunione aziendale di fine anno di una azienda informatica con tutta la dirigenza presente

    Una capo-progetto parla alla sala dallo scranno col microfono sui risultati ottenuti dal suo gruppo di lavoro e, nel mezzo del discorso se ne esce con questa frase (detta in modo assolutamente neutro e innocente):

    "Per quanto riguarda gli obiettivi raggiunti, dobbiamo ringraziare [nome e cognome della collega in questione che era li presente], CHE SI E' PASSATA TUTTI I CLIENTI, permettendoci così... (ecc ecc)"

    RispondiElimina

Posta un commento

inciuci & commenti...

Post popolari in questo blog

Ogni scusa è buona!

Ogni scusa è buona per il mio Polpettino piccolo per non andare all'asilo:
Scusa medico/teatrale: tosse finta con conati di vomito...
Scusa pietistica: "i piccoli devono stare a casa con la loro mamma"...
Scusa causa di forza maggiore: "l'asilo è chiuso"...
ed infine motivazione del tipo"mamma hai un anticipo di alzheimer" mista a motivazione fantascientifica: "Mamma, ti sei sbagliata, oggi è di nuovo domenica non è lunedì" !!!



Tu lavori?

Ho deciso...da oggi se mi dovessero chiedere "Ma tu lavori?"...io risponderò :"Non fuori casa"! ( e dentro penserò: chi si fa i c...i suoi campa cent'anni!)

Ansia !

Ieri abbiamo affrontato la seconda seduta di neuropsicomotricità...il Polpettino sembra non avere particolari difetti fisici e la sua inibizione ed il suo rallentamento nel coordinare gli arti inferiori secondo la Doc. tutta frizzi e lazzi è dovuto ad uno stato d'ansia....


Che ansia!!! Quando mi ha comunicato questa cosa ho incominciato a passare in rassegna tutto quello che avrei potuto aver fatto per provocargli ansia...ma la Doc. tutta frizzi e lazzi mi ha detto che il suo stato di paura non dipenderebbe dalle mie di ansie!

Eppure questa cosa ha fatto scattare in me una sorta di senso di allerta, ho ripensato alla predisposizione alla depressione dei parenti di mio marito, nello specifico alle malattie psicologiche dei miei nuoceri, alla mia di ansia che però riesco a gestire bene infatti all'apparenza, nel sociale, tutto risulto fuorchè ansiosa...all'ansia mascherata da sicurezza di mio marito, che spesso mi tocca rassicurare e raccogliere con il cucchiaino quando anch…