Passa ai contenuti principali

Lotta

Quando alla fine della giornata, finite le incombenze quotidiane, assolti i ruoli di mamma, moglie, figlia, sorella, nuora, sostegno e pagliaccio, ti ritrovi a letto, la tentazione di lasciarsi andare, di rassegnarsi è tanta....sai che cosa è giusto fare, è un film che hai già visto, una parte già rodata, già interpretata, già sofferta...conosci a pennello le battute, sembrerebbe proprio una parte scritta su misura per te...eppure il momento della disperazione arriva inesorabile...e lotti con tutta te stessa per non farti sopraffare, lasci spazio alla speranza, alla preghiera, alla fede...e mentre ripeti a te stessa, come un disco rotto, che ce la farai, il tuo cuore, le tue braccia, le tue gambe si fanno sempre più pesanti...e ti rimproveri per non essere più quella bambina di sette anni che non ha pianto per anni, che ha sostenuto la mamma quando era necessario, che inconsapevole del dolore aveva sviluppato due spalle che Rosolino se le sogna la notte...c'è un senso a tutto questo, ora non lo vediamo, c'è un motivo...eppure la tentazione di rassegnarsi è tanta...troppa...e stavolta che hai trent'anni in più, vorresti scappare, mettere la testa nella sabbia, raccontarti tante bugie e frenare le lacrime, quelle stesse che quella bambina forte non ha versato la prima volta....

Commenti

  1. Non so cosa sia successo... Ma Potolina sa che non deve mollare la presa. Ma deve anche sapere che può e deve sfogarsi. Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  2. Mi spiace molto sentirti così giù... spero davvero che troverai la forza per rialzarti.... e che il sole per te torni presto a splendere.

    RispondiElimina
  3. Che Dio vi benedica e vi aiuti ad affrontare questo periodo,ciao.

    RispondiElimina
  4. Piangi tesoro...un pianto liberatorio di quelli che ti lasciano con gli occhi gonfi e il fiato corto...ti sfoghi e riparti, senza mollare!!! Non so cosa sia successo ma penso si tratti di qualcosa di molto brutto...ti sono vicina!!!

    RispondiElimina
  5. sfogarsi piangere disperarsi è terapeutico, tenere tutto dentro non va bene davvero. Abbraccione anch'io mi sento così x un motivo molto triste ed ingiusto.

    RispondiElimina
  6. Cara Potolina, mi sa che è arrivato il momento di non nascondere la propria fragilità. Piangere fa bene, sfogarsi con chi amiamo non può che aiutare: chi è vicino a te saprà starti vicino, ancora più vicino perché conoscerà quanto é profonda la tua tristezza.
    E poi ci si rimette in piedi, e si ricomincia a fare la mamma, moglie, figlia, sorella, nuora, sostegno e pagliaccio, come hai detto tu.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Un abbraccio virtuale... Passerà...

    RispondiElimina
  8. ciao Pot
    piacere di rileggerti!
    ascolta ....un consiglio collaudato: chiuditi in bagno, accendi la radio a tutto volume e piangi, urla lancia oggetti...con tutte le tue forze!.....ti giuro che funziona, alla fine ti sentirai esausta ma un getto d'acqua fredda sul viso , uno sguardo allo specchio che ti darà un'immagine sconvolta e vedrai, sarai capace di affrontare tutto....altro che spalle di Rosolino! a volte qui ci vogliono le spalle di king kong!!!! ^______^
    un abbraccio e un bacio

    RispondiElimina
  9. Ciao Potolina, sai da qualche settimana sto pregando tanto anche per me stessa perchè sono dentro a quel vortice pure io e il brutto è che non ho ancora una spiegazione , qualcosa con cui prendermela.Quindi DEVO lottare per arrivare a quello, ma ho già mollato una volta mesi fa e ora non so mica se ce la faccio? Mi alzo ogni mattina e ringrazio di aver riaperto gli occhi. E via un altro giorno avanti e a finire sempre spearnado torni ad andare meglio.
    Dai, metticela tutta che ce la puoi fare... sono con te!
    Un abbraccio mega!

    RispondiElimina
  10. Un pensiero per te:

    http://www.youtube.com/watch?v=PT5WYMZZzqo


    Un abbraccio
    Giorgia

    RispondiElimina
  11. grazie di cuore a tutte voi....dicono che questo sia un mondo virtuale, perciò fittizio, ma io non sono d'accordo...forse lo chiamano "virtuale" perchè ha la virtù di farti avere il calore e l'affetto di persone che ti capiscono, condividono e pregano con te....grazie davvero tanto!!!

    RispondiElimina
  12. Nel mio piccolo di momenti non belli ne ho vissuti ma certe volte come già scritto è meglio il slienzio e la preghiera, ho cercato nella Bibbia, nella Parola del Signore queste sono per te e non solo.
    Lam. 3,55-57 "Ho invocato il tuo nome, o Signore, dalla fossa profonda.
    Tu hai udito la mia voce:"non chiudere l'orecchio al mio sfogo"
    Tu eri vicino quando ti invocavo, hai detto: "Non temere!"

    Con affetto
    FioreS.

    RispondiElimina
  13. Sì, sì..non tenere tutto dentro sfogalo, butta fuori il dolore, l'angoscia, la rabbia...anche Rosolino, secondo me lo ha fatto qualche volta.. ;) E sappi che noi siamo qui, che non sei sola. Un abbraccio reale...Cris

    RispondiElimina
  14. ancora GRAZIE a tutte....è importante sapere che c'è una squadra di persone pronte a tifare per te....grazie!!!!!! è un sollievo affacciarmi al blog e leggere dei vostri commenti e soprattutto delle vostre preghiere..!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

inciuci & commenti...

Post popolari in questo blog

Ogni scusa è buona!

Ogni scusa è buona per il mio Polpettino piccolo per non andare all'asilo:
Scusa medico/teatrale: tosse finta con conati di vomito...
Scusa pietistica: "i piccoli devono stare a casa con la loro mamma"...
Scusa causa di forza maggiore: "l'asilo è chiuso"...
ed infine motivazione del tipo"mamma hai un anticipo di alzheimer" mista a motivazione fantascientifica: "Mamma, ti sei sbagliata, oggi è di nuovo domenica non è lunedì" !!!



Tu lavori?

Ho deciso...da oggi se mi dovessero chiedere "Ma tu lavori?"...io risponderò :"Non fuori casa"! ( e dentro penserò: chi si fa i c...i suoi campa cent'anni!)

Ansia !

Ieri abbiamo affrontato la seconda seduta di neuropsicomotricità...il Polpettino sembra non avere particolari difetti fisici e la sua inibizione ed il suo rallentamento nel coordinare gli arti inferiori secondo la Doc. tutta frizzi e lazzi è dovuto ad uno stato d'ansia....


Che ansia!!! Quando mi ha comunicato questa cosa ho incominciato a passare in rassegna tutto quello che avrei potuto aver fatto per provocargli ansia...ma la Doc. tutta frizzi e lazzi mi ha detto che il suo stato di paura non dipenderebbe dalle mie di ansie!

Eppure questa cosa ha fatto scattare in me una sorta di senso di allerta, ho ripensato alla predisposizione alla depressione dei parenti di mio marito, nello specifico alle malattie psicologiche dei miei nuoceri, alla mia di ansia che però riesco a gestire bene infatti all'apparenza, nel sociale, tutto risulto fuorchè ansiosa...all'ansia mascherata da sicurezza di mio marito, che spesso mi tocca rassicurare e raccogliere con il cucchiaino quando anch…