sabato 30 aprile 2011

Ritornerò...


E domani si torna a casetta...un viaggio non è mai solo uno spostamento da un luogo ad un altro...
I nonni, le zie, la zia ( my sister) e lo zio ( my brother) si sono goduti il nipotino ed io ho scaricato un pò di stanchezza facendo la "figlia di famiglia" con marito e Patatino al seguito.
E' stata la prima volta dopo nove mesi in cui ho avuto il tempo di pensare sul serio, di rilassarmi, di fare un pò di pulizia tra i miei pensieri, di sognare...ho messo ordine. E mi ci voleva proprio. Per la prima volta ho lasciato il patatino dai nonni e ho fatto una passeggiata con mio marito, e questa volta chi camminava per la strada, mano nella mano, non era solamente una coppia, ma una coppia di genitori...che bella sensazione!
L'avventura continua ed io torno a casetta un pò più carica, fisicamente ma soprattutto mentalmente...A volte fa bene staccare dalla propria routine, dalle responsabilità piccole e grandi...non mi sento mai all'altezza, nè nel mio ruolo di mamma, nè nel mio ruolo di moglie, nè e aggiungerei ancor meno, nel mio ruolo di donna...ma con un pò di stanchezza fisica in meno, la testa un pò più sgombra e con un pizzico di consapevolezza in più ritorno a casetta con una grinta maggiore, sempre più convinta che in certi momenti il "silenzio" è d'oro...

venerdì 29 aprile 2011

William and Kate


Non ho potuto fare a meno di rimanere incollata al televisore...mi sono venute le lacrime agli occhi, mi sono commossa.. ho guardato e riguardato la mia mano sinistra ed il mio anello mentre mandavano in onda le immagini del matrimonio di oggi, osservavo la mia fede, ho ripensato al mio matrimonio...per un attimo mi sono ritrovata adolescente con una gran voglia di sognare...e ci sono riuscita!!!
E' vero, a volte i matrimoni sono lunghi e noiosi, il portafogli piange per il regalo da fare agli sposi, non parliamo poi dell'isterica scelta dell'abito giusto da indossare, i parenti che non si vedono da una vita da incontrare ecc...ecc...ma mi dite cosa c'è di più bello che pensare agli sposi che in quel momento stanno vivendo un'emozione enorme, stratosferica, unica?
E con questo pensiero questa "adolescente" và a dormire "sognante", mano nella mano con il suo dolce, amato Principe, consapevole però, che per lei i sogni sono già diventati realtà...


mercoledì 27 aprile 2011

Non tutte le scarpe hanno il piedino di Cenerentola parte II


ehm...ehm...eccoci al dunque...
Dopo aver chiesto a mio marito un fazzoletto ecco che, ancora con il calzino fetido in mano, chiedo alla commessa: " Fino a che ora siete aperti?" e dopo che lei dice: "Fino alle otto" ecco che mi rivolgo a mio marito infilandomi il calzino di fretta e furia dicendo " Ops, allora passiamo dopo visto che dobbiamo andare a ritirare -quella cosa- e intanto mi faccio venire un tic stratosferico all'occhio sperando che mio marito capisca che quella cosa è sinonimo di - cerchiamo di fuggire via il prima possibile!!!....Mio marito dopo aver accennato a dire _ QUale cos...- prima che finisca la frase me lo mangio con gli occhi e subito _ Ah, sì sì , andiamo che è già tardi, avevo rimosso...- Ed io tiro un sospiro di sollievo come pure la commessa che si affretta ad inscatolare nuovamente la scarpa e salutando veloce si rivolge ad un'altra cliente...
Inutile dire che le commesse di quel negozio non mi vedranno mai più...altro che piedino di Cenerella, qui ci voleva una sparizione con tanto di fumo annesso e connesso...
Alle vincitrici: se volete taglio il calzino a pezzettini, non vorrei vi strappasse i capelli per un cimelio così "unico"!!!

martedì 26 aprile 2011

Non tutte le scarpe hanno il piedino di Cenerentola!


Sono in questi giorni nella mia città natìa che splende anche quando il sole cede il posto alla pioggia...camminando per le vie del mio quartiere, dopo ben due ore di marcia, faccio capolino in uno dei miei vecchi adorati negozi di scarpe...e ops...proprio quel paio di scarpe che cercavo, non posso ovviamente mica farmele scappare! Così con marito e Patatino al seguito entro e chiedo di provarle...le commesse carinissime, mi chiamano addirittura "signora", ridono al patatino, si tengono a debita distanza dal maritino ( brave!) e così la commessa mi porge la scarpetta indicatale e io mi sfilo prima la scarpa destra, poi il calzino e...wowowowow...sorpresona|!!! Il calzino blu era proprio scolorito sul mio piedino che aveva assunto un colorito livido, putrido, rigettante...un pasticcio di sudore misto a colore,il blu del piede salendo diventa viola sul mio viso...la commessa, gentile porella, accenna ad una risata, mio marito mi guarda cercando di sdrammatizzare con il viso, io avrei voluto sprofondare...mica posso misurare le scarpe sporcandomele!?!?!?!? Così, in trenanosecondi penso al da farsi
1) O rimetto velocemente il calzino e provo con l'altro piede ( sperando non sia nelle stessa situazione)
2) O chiedo un fazzoletto a mio marito e mi pulisco all'istante
3) Improvviso un malore o un imprevisto per cui scappiamo dal negozio immediatamente

Secondo voi, che ha fatto Potolina?!?!?!?!?
A chi indovina, spedirò come candy il mio bel calzino impasticciato, originale, intatto...
To be continued....

lunedì 25 aprile 2011

Non mi piace...


Un tempo non molto, diciamo non troppo, lontano, mi affascinavano le persone che mostravano visibilmente di andare controcorrente, quelli che polemizzavano su tutto, sulla moda, sulla cultura, sulla politica, sulle bigotterie, chi si "distingueva" per qualche motivo, per una forbita dialettica, per arte oratoria e bla bla bla e bla....faceva molto "figo".
Con il passare del tempo, osservando con maggiore attenzione queste persone mi sono accorta di quanto fossi superficiale a dare loro una valenza maggiore di quanto in realtà avevano...hanno...
Non mi fanno più effetto le frasi fatte alla Federico Moccia, non mi attirano più i "falsi alternativi" o i bravi oratori, se, approfondendone la conoscenza, noto delle contraddizioni tra quello che ostentano e la conduzione della loro vita.
Non mi piace chi critica apertamente la Chiesa e poi si sposa in comune scimmiottando il rito cattolico, non mi piace chi frequenta assiduamente la parrocchia, e poi crede all'oroscopo o sulla catenina accanto al crocifisso porta un cornetto antisfiga, non mi piace chi critica il sistema antimeritocratico ma si fa raccomandare o raccomanda, non mi piace chi si riempie la bocca di paroloni e poi cede volontariamente a effimere miserie umane, non mi piace chi non mangia carne o uova, perchè sono "vita" ma non si fa scrupoli a professare l'aborto umano, non mi piace chi ostenta la propria sessualità come unica carta per distinguersi dalla "massa", non mi piace chi sa tutto di tutto il mondo, politici, dive, veline, catastrofi e temporali ma che non sa cosa succede alle persone con cui divide il tetto, non mi piace chi inneggia al sacrificio, all'uomo artefice del suo destino e però poi rimane in panchina a guardare e giudicare la vita altrui...tutto questo proprio non mi piace...
Ho imparato ad essere molto selettiva rispetto a coloro che frequento, sono meno sensibile agli abbagli momentanei, scruto e osservo maggiormente...è forse una forma di difesa per non rimanere poi delusa, è forse un modo per recidere il "superfluo", una sostanziale voglia di autenticità...
Non dico più "ti voglio bene" così facilmente come un tempo, non riesco più a fare promesse che non riesco a mantenere, preferisco il silenzio.
Ora che sono mamma urge profondamente che metta in discussione ciò che sono, come lo sono, l'esempio che darò a mio figlio, perchè più delle parole, più di teorie, idee e ideali, più di ogni altra cosa è importante che mio figlio trovi corrispondenza tra gli insegnamenti che gli daremo, suo padre ed io, e i fatti, le piccole cose della vita quotidiana, perchè nostro figlio, il nostro Patatino eviti perdite di tempo nel colmare gli abissi che spesso si riscontrano tra ciò che si è e ciò che si vorrebbe essere.

sabato 23 aprile 2011

BUONA PASQUA!

A tutte le mie amiche,
a tutte le mie amiche blogger,
a tutte le amiche pazienti che leggono i miei post,
a tutte le amiche che mi commentano,
a chi passa di qui per curiosità,
a chi passa di qui per caso,
innanzitutto GRAZIE!
Grazie perchè è bello sapere che dall'altra parte dello schermo ci sono cuori che battono, menti che pensano, persone che ti leggono...questa cosa mi scalda immensamente il cuore.
Grazie alle mamme blogger, alle nonne blogger cuoche e filosofe, alle amiche che con generosità raccontano spaccati di vita e condividono emozioni....
A tutti voi vorrei augurare Buona Pasqua, ricca di gioia, di cose divertenti da condividere, di emozioni e di buoni propositi per quest'avventura meravigliosa che è la VITA!!!
AUGURONI!!!
Potolina & family!



venerdì 22 aprile 2011

Il coraggio di una Mamma

Ci vuole coraggio...essì, ci vuole tanto coraggio a dire di sì al dolore, di scegliere la via più difficile, di subire ingiurie, etichettamenti, maldicenze, giudizi e pregiudizi...
In questo giorno di Passione che precede la Pasqua, quest'anno più che mai il mio pensiero si rivolge ad una Donna veramente speciale...vedersi morire il proprio figlio, per giunta dopo torture che erano sotto gli occhi di tutti e che nessuno ha potuto impedire...bè...deve essere stato a dir poco devastante!
Quando il mio Patatino si fa male, ha un pò di febbre o è semplicemente meno vispo del solito, incomincio a fare pensieri assurdi, a preoccuparmi di chiudere tutte le finestre per non fargli prendere aria, a coprirlo ben bene o ad asciugargli il sudore, a coccolarlo se ha male al pancino...non oso, non voglio, mi fa male immaginare al dolore lacerante della Donna che ha offerto per noi, per la nostra salvezza, perchè sperassimo, nonostante tutto e credessimo, nonostante tutto che l'Amore vince la morte, il Figlio che ha portato in grembo...
Quest'anno più che mai, sento, avverto, immagino, anche se solo in minima parte, un dolore così immenso ...abissale...e penso a te, amica mia, a te che l'anno scorso di questi tempi attendevi il tuo cucciolo, a te che non immaginavi cosa sarebbe accaduto sia a te che a lui a distanza di una sola una settimana dalla nascita, a te che ancora parli di lui al presente, a te che non ti rassegni...davanti a questo dolore ti raccomando alla Donna speciale che sa cosa provi più di quanto io possa solo immaginare...ed il silenzio non può che avvolgerci tutte, perchè una mamma sa di cosa parlo, perchè una mamma sa sperare contro ogni evidenza, perchè l'Amore di una mamma sa vincere anche la morte...

giovedì 21 aprile 2011

Io mamma...

Questo post partecipa al giveaway di MammaMoglieDonna

Pasticciona...e su questo non ci piove...più pasticciona del suo Patatino che infila le mani ovunque, semolino, pappine, yogurt e le spalma sulla faccia della sua mamma come creme ...di bellezza, naturalmente! Io come mamma invece semino pasticci in ogni dove, ma mi diverto...e anche tanto...adesso. Sì, perchè quando la dottoressa ha tirato fuori dal mega-pancione il mio Patatino mettendomelo accanto al viso, ben 9 mesi fa e mentre lo riempivo di bacetti, mica l'avevo capito che ero la sua mamma! Che parola...! Mamma...
Diciamo che divento mamma con lo scandire della stessa parola che sta imparando a pronunciare il mio cuccioletto...alla prima M ero all'inizio, mh era più un'esclamazione di perplessità che una lettera ben definita, ed anche il mio patatino la pronunciava quasi timoroso...
Poi siamo passati a Ma...come dire, ma, ma è proprio questa la mia mamma? Sono proprio io la tua mamma? Quando lo guardo addormentarsi tra la mie braccia, quando lo sento sussultare di gioia non appena mi vede, quando fermerei il tempo quando scoppia nelle sue grasse risate...non ho dubbi...sono la sua mamma...
L'istinto mi porta a proteggerlo, ad accudirlo, ad indovinare i suoi bisogni, ma diventare la sua mamma è un'altra cosa...so di essere in debito con lui per l'immensa gioia che mi sta donando,per il tempo che trascorriamo assieme ininterrottamente dal giorno in cui mi ha lasciato quel bel sorriso sulla pancia, per il tempo che ha voluto albergare nel mio grembo rendendomi la donna più completa del mondo...
Adesso siamo a Ma-ma, pronunciato di scatto, di seguito, velocemente come si schioccano le dita...come a dire, sei mia, solo mia, e devi scattare quando ti chiamo...ed io spirito ribelle mi faccio dominare da un frugoletto sdentato, pasticcione, puzzolente e nanetto che mi ha rapito l'anima, il cuore, la mente e che mi ha insegnato ad amare incondizionatamente, senza riserve, e che continuerò ad amare per sempre...perchè cascasse il mondo io sono la sua MAMMA...!

Tappo


Domenica nuoceri ospiti a casa.
Dopo pranzo mia suocera va in bagno...5...10...15....20...minuti e non esce, ogni tanto passo accanto alla porta del bagno per sentire se è ancora viva, quando sento il porta-cartaigienica roteare come un mulino arrugginito per un minuto e passa...
Esce dal bagno e le chiedo impunemente - Tutto ok? - E lei - Sì, sì, sai, erano cinque giorni che non andavo di corpo! - Azz! - Penso tra me e me, un altro giorno e avresti dovuto chiamare i vigili del fuoco! E invece....e invece i vigili del fuoco stavamo per chiamarli noi!
Infatti dopo poco, mio marito va in bagno e mi chiama - Potolinaaaaaaa - Dimmi caro - e già un sesto senso, oltre quello olfattivo, mi preannunciava la tragedia! - Si è otturato il water!
Ma va!?!?!?!? Dopo chili di letame, chili di carta igienica, cinque giorni di stitichezza, tua madre proprio a casa nostra doveva sturare quel tappo intestinale che ha otturato il nostro gabinetto creando una pozza che sembrava il rifacimento di una cabina allagata del Titanic!?!?!?!??!?!
Vabbè, mettiti con la ventosa a sturare i rifiuti "speciali"- altro che nucleare - di una domenica speciale!!!
E meno male che era la domenica delle palme, giornata di pace , perchè proprio ce la stavo per mandare mia suocera in qualche palm-beach ....con olio di vasellina al seguito! E per il prossimo menù domenicale : cibi restringenti e cartellone sul wc - Fuori servizio!

mercoledì 20 aprile 2011

Qui pro quo


Preparare il sugo con i piselli e contemporaneamente mettere a bollire l'acqua della pasta, per poi scolare i piselli nello scolapasta quando suona il timer piuttosto che la pasta...

Azionare la macchinetta del caffè senza la cialda del caffè e bere acqua sporca imprecando contro queste macchinette moderne!

Andare dai carabinieri per denunciare lo smarrimento della carta d'identità per poi accorgersi di averla nel portafogli davanti al malcapitato carabiniere!

Chiamare la tua amica per farle gli auguri per poi scoprire di aver sbagliato....mese!!!

Passare per la cassa del supermercato non accorgendosi che il Patatino aveva preso i guanti in gomma e diventare rossa come un peperone quando la commessa glielo fa notare...

Tutto questo è Potolina dopo due settimane di sonno arretrato...
S.O.S. Morfeo!!!


mercoledì 13 aprile 2011

Questa casa non è un porcile!!!


No, non fatevi ingannare dall'invasione di formiche nella camera da letto che con questo caldo spuntano come funghi...la mia casa non è un porcile!
No, non fate caso alle manate sugli specchi all'odor di mandarino del mio dolce Patatino...la mia casa non è un porcile!
No, non badate a quella merenda liquida riversata sui miei capelli appena lavati dalle fauci del mio dolce Patatino non appena mi sono chinata a raccogliere il cucchiaino caduto in terra...la mia casa non è un porcile!
...ho provato mille volte a chiamare Mary Poppins per farmi dare una mano, ma ha il telefono sempre occupato!
...ho chiamato la fatina di Cenerella, ma lei mi ha risposto che non fa miracoli!
...ho chiamato l'impresa di pulizie ma mi dicono che loro non trattano...porcili!!!
Non mi resta che ...pulire, pulire e pulire!!!
E non auguratemi "In bocca al lupo!"
Perchè!?!?!?!?
Perchè "siam tre piccoli porcellin...siamo tre, potolin, mai nessun ci dividerà! trallallllalllallà! "


lunedì 11 aprile 2011

La flora e la fauna


La scorsa settimana abbiamo portato il Patatino nell'oasi a vedere gli animali...questa settimana visita dai nonni.
Poichè faceva tanto tanto caldo, abbiamo passato un pò di tempo nel giardino dei nonni che comunica con un'altra villetta, dove c'era una famigliola con due bimbi e nonni al seguito i quali, non appena vedono il Patatino, chiedono - Gattona? - Ed io - No, non ancora - e di lì pioggia di consigli non richiesti su come incentivare il gattonamento...
Si cena...facciamo cenare il Patatino quando squilla il telefono, sempre a casa dei nonni...è la zia di mio marito che dopo aver tenuto mezz'ora al telefono il nipote, chiede di me...ok...altra mezz'ora al telefono, quando - E il Patatino gattona? - Ed io - No, non ancora - e di lì bufera di consigli non richiesti su come agevolare il gattonamento...
Fine giornata, stiamo cambiando il pannolino al Patatino per sfrecciare di corsa nella nostra casetta quand'ecco che - driiiiinnn - di nuovo il telefono, è la nonna di mio marito, nonchè bisnonna del Patatino, nonchè nuocera...vuole parlare con me ( e il nipote!?!?!?..mah!) ...dopo l'elenco delle malattie, delle ingiustizie della vita e bla bla bla...mi chiede - E il mio pronipote, gattona? - ed io , prima di farmi paranoie sul fatto che mio figlio ancora non gattona, prima di non dormire la notte rigirandomi nel letto in preda ad incubi perchè mio figlio ancora non gattona, prima di rischiare l'esaurimento nervoso, rispondo - No, ma miagola! -
Silenzio....

domenica 10 aprile 2011

...e le donne del futuro!


Ieri sera ci siamo concessi un esperimento, considerato il caldo estivo di questi giorni: una pizza in una piazzetta bellissima di Torino, all'aperto, con il Patatino che è stato davvero bravo nel passeggino - esperimento riuscito!!!
Mentre aspettiamo di sederci al tavolo incontriamo un collega di mio marito. Dopo i soliti convenevoli, incomincia ad elencare i prodigi della sua pupetta di quindici mesi...bella, brava, simpatica, parla, cammina, dorme, fà la cacca e pure la pipì, pavoneggiandosi all'ennesima potenza con un monologo che a Benigni gli fa un baffo, quando esordisce dicendo -Ma sai, con una pupetta del genere, come non essere geloso ! - e fin qua tutto ok...poi, rivolgendosi al mio Patatino fa - Eh, Patatino, mi dispiace, non credo diventerò tuo suocero, mia figlia non uscirà di casa fino a trentotto anni! - E Potolina - Oh, per carità, piuttosto lo facciamo diventare prete! -
Non credo abbia capito la battuta, ma di certo sappiamo cosa regalare alla pupetta per il suo compleanno - un burqa!

mercoledì 6 aprile 2011

Paperino per il Patatino...

Non ho mai fatto mistero del mio amore incondizionato verso tutto ciò che riguarda Walt Disney, dai fumetti ai gadget, dai cartoni a Disneyland (il primo viaggio d'amore con mio marito è stato proprio a Parigi, destinazione: Disneyland!!!)
Ebbene, oggi abbiamo avuto una mega-sorpresona! In occasione di Torino-Comics in redazione da mio marito è passato per un'intervista .....nientepopodimenoche...... il disegnatore di Paperino, Don Rosa!!!
Mio marito, con la sua solita adorabile gran faccia tosta, gli ha chiesto un disegno con dedica per il nostro cucciolo e....questo è il risultato:


Che dire, siamo onorati e contenti e adesso Potolina cercherà una cornice adatta per questo meraviglioso disegno!
Grazie mille Don Rosa!

Tutto in una notte!


Mio marito che mi tradisce con una sconosciuta "incontrata" su facebook, la mia professoressa di matematica che mi redarguisce perchè non ho studiato, i ladri in casa ed io che arrivo in ritardo alla mia seduta di laurea...Tutto questo nel giro di una notte... da incubo!
Qualcuno mi suggerisce di guardare la Smorfia e di giocarmi i numeri al lotto, ma l'unica smorfia che ho visto stamattina è stata quella di mio marito che quando mi son svegliata mi ha detto - Ma che coreografie erano quelle di stanotte?..il letto sembrava un vaporetto! -
Mai più peperoni alla sera!!! Promesso!

martedì 5 aprile 2011

In Farmacia


E va bene che lì i pannolini sono sempre scontati, e va bene che le salviette detergenti costano meno, e va bene che ci sono offerte e promozioni in continuazione, ma le dottoresse della farmacia dove spesso vado per i suddetti motivi sono simpatiche proprio come un riccio nel deretano!!!
Tutte le volte che vado, a parte lo scalone da scalare che se non hai la licenza da alpinista devi sempre sperare in qualche buon passante che ti dia due belle braccia forti per poter sollevare il passeggino, sì perchè è una farmacia senza scivolo che non so chi è in carrozzella come faccia, e vabbè, comunque, dicevo, che tutte le volte che vado mi dicono - Ma signora, con questo caldo, gli levi il cappellino al bambino, che il sudore è il peggior nemico dei bambini - Ma signora, gli apra il giubbottino che i bambini patiscono più il caldo che il freddo - Ma signora, sa, non siamo mamme, ma ne vediamo di tutti i colori, ci stia a sentire...
Ed io - Sa, è il primo figlio, sono un pò imbranata - e una delle due - E, sì. Si vede ! - sorrisino sarcastico-
Wow, gentile però! Penso tra me e me.
Sempre lei - A quando il secondo figlio?-
Io - Quando voi metterete lo scivolo per i disabili sullo scalone.
Gelo totale.
Ecco, ho risolto, almeno quando entro da loro mio figlio non avrà più caldo!!!

lunedì 4 aprile 2011

Proprietà transitive

























Approfittando della splendida giornata di sole, ieri Potolina, Potolino e Patatino sono stati in un posto bellissimo, l'Oasi degli Animali...un posto incantato, gestito da privati, che abbiamo scoperto su Guida Bimbi, una guida che racchiude tutte idee, proposte, convenzioni e sconti per le famiglie con bambini del Piemonte; noi l'abbiamo presa gratuitamente presso Mc Donald's...
Un vialone lunghissimo che costeggia enormi spazi in cui gli animali scorazzavano beati e comunicavano con gli ospiti accorsi lì a guardarli...E' stata una passeggiata piacevolissima, anche Potolina, come al suo solito, ha dato spettacolo con uno spogliarello improvvisato nel bel mezzo di quella fauna e di quella flora meravigliosa causa una formica nutrita con anabolizzanti che sfrecciava nella sua schiena...ma questa è un'altra storia!
Il Patatino era eccitatissimo, tra pecorelle e pappagalli era uno stupore continuo...ora che sta scoprendo il mondo è una continua meraviglia così come guardarlo incantato per noi è una scoperta quotidiana! Sono felice!

venerdì 1 aprile 2011

Cuccioli


Tre di notte, il Patatino si sveglia urlando con tutto il fiato che ha in gola...cucciolo, saranno i dentini, e vai con il gel...
Quattro di notte, il Patatino si sveglia urlando come se lo stessero scuoiando...cucciolo, avrà sete, e via con fiumi di acqua...
Cinque di notte, il Patatino si sveglia emanando grida come una povera vittima dello psicopatico di Psyco... cucciolo, avrà caldo, scopriamolo un pochino....
Sei di mattina, il Patatino frigna come quando è uscito dalla pancia della mamma...cucciolo, vuole essere rassicurato, e via con carezze e coccole...
Sette di mattina, sirena dell'ambulanza a tutto volume, no, non è il Patatino, stanno venendo a prendere mamma e papà...cuccioli, il Patatino dorme beato...!