Passa ai contenuti principali

Caro amico ti scrivo...


Care Mamme e Mogli,
a volte non vi capita di avere la sensazione che "tutto" il carico da novanta sia sulle vostre spalle?
Non vi capita di pensare: "Oddio, se mollo adesso, crolla tutto!"?
Non vi sembra di essere un'equilibrista sull'orlo di una crisi di nervi?
Non vi sembra che la corda si stia per spezzare e nel frattempo formi un'infinità di cerchi concentrici intorno al vostro collo?
Eppure si riesce sempre a sorridere, si riesce sempre a fare cose impensabili, eroiche direi, come dormire ad occhi aperti mente il pupo ti sputa in faccia tutta la pappa, ti crescono braccia che non credevi di avere, occhi anche sul retro della testa, e il tuo cervello è ancora in grado di fare calcoli ignorando quelli renali!
Quando vivevo da sola mi sembrava che il tempo non mi bastasse mai...avevo montagne di panni sporchi da lavare( oddio anche ora li ho, ma sono proporzionali al numero 3 persone tra cui un patatino piccolo), libri iniziati e mai finiti, ero sempre stanca...ed ora il tempo lo si trova per forza, si spreme fino all'ultima goccia di sudore, la forza ti deve venire comunque, e non so come, ma ti viene, e riesci anche a leggere un libro fino ai "titoli di coda"!
Spesso mi faccio sopraffare dallo sconforto, cali di pressione, caldo, mancanza di energie, carenza di ferro, ciclo...eppure ho imparato a chiedere aiuto in questi momenti ( a quel poverino di mio marito perchè come sapete la mia famiglia di origine è lontana e anche quella di mio marito è "lontana" in un certo senso!)
Eppure ci uniamo ogni giorno di più, tra una mia crisi isterica ed i suoi silenzi, tra un'incomprensione ed un chiarimento, siamo diventati una vera squadra! Spesso guardandci negli occhi mio marito ed io esclamiamo " Siamo soli!"...ma da un pò di tempo a questa parte l'espressione sta acquisendo una luce diversa e intendiamo il tutto secondo quanto ha detto lo scirttore Lapierre ( mi sembra o Hosseini, non ricordo e non ho tempo per cercare su internet!) ...ossia siamo soli che splendiamo per irradiare la nostra vita, quella della famiglia che stiamo costruendo e che speriamo con tutto il cuore si arricchisca di nuovi raggi!





Commenti

  1. Che bello! Solo questo mi viene in mente. Qualcosa di bello esiste ed e' incoraggiante anche per me.
    Ciau cara. Siete una squadra imbattibile!
    Baciuzzi.

    RispondiElimina
  2. Splendido post! E non siete soli, anche noi siamo così!!! Anch'io sono così..e leggere queste considerazioni è come fare un bagno nelle vitamine energizzanti :) Buon fine settimana. Cris

    RispondiElimina
  3. E caspita se ho dei momenti un po' "così". Penso sia normale, non siamo delle macchine! Poi basta guardare i nostri mariti, i nostri figli e tutto passa. Ti ricordi quella vecchia pubblicità, di cui non ricordo il prodotto, ambientata in una festa dove c'erano un gruppo di donne che si vantava di fare lavori prestigiosi e poi, rivolgendosi a una in disparte le chiedevano: "E tu di cosa ti occupi?" lei rispondeva: "Dirigo con successo una piccola azienda famigliare"... Ecco! È così! Un bacione!!!

    RispondiElimina
  4. ma infatti seconod me potolina e maritino ci regaleranno presto un nuovo Raggio!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

inciuci & commenti...

Post popolari in questo blog

Ogni scusa è buona!

Ogni scusa è buona per il mio Polpettino piccolo per non andare all'asilo:
Scusa medico/teatrale: tosse finta con conati di vomito...
Scusa pietistica: "i piccoli devono stare a casa con la loro mamma"...
Scusa causa di forza maggiore: "l'asilo è chiuso"...
ed infine motivazione del tipo"mamma hai un anticipo di alzheimer" mista a motivazione fantascientifica: "Mamma, ti sei sbagliata, oggi è di nuovo domenica non è lunedì" !!!



Tu lavori?

Ho deciso...da oggi se mi dovessero chiedere "Ma tu lavori?"...io risponderò :"Non fuori casa"! ( e dentro penserò: chi si fa i c...i suoi campa cent'anni!)

Ansia !

Ieri abbiamo affrontato la seconda seduta di neuropsicomotricità...il Polpettino sembra non avere particolari difetti fisici e la sua inibizione ed il suo rallentamento nel coordinare gli arti inferiori secondo la Doc. tutta frizzi e lazzi è dovuto ad uno stato d'ansia....


Che ansia!!! Quando mi ha comunicato questa cosa ho incominciato a passare in rassegna tutto quello che avrei potuto aver fatto per provocargli ansia...ma la Doc. tutta frizzi e lazzi mi ha detto che il suo stato di paura non dipenderebbe dalle mie di ansie!

Eppure questa cosa ha fatto scattare in me una sorta di senso di allerta, ho ripensato alla predisposizione alla depressione dei parenti di mio marito, nello specifico alle malattie psicologiche dei miei nuoceri, alla mia di ansia che però riesco a gestire bene infatti all'apparenza, nel sociale, tutto risulto fuorchè ansiosa...all'ansia mascherata da sicurezza di mio marito, che spesso mi tocca rassicurare e raccogliere con il cucchiaino quando anch…