Passa ai contenuti principali

Punti di incontro


E poi dicono che i bambini piuttosto che unire, dividono!....
Quando ci regalavano qualcosa del tipo un vaso, un candelabro o semplicemente un libro, mio marito ed io cominciavamo la battaglia per decidere dove, come e perchè mettere in un determinato posto l'oggetto della contesa...partivano disquisizioni filosofiche di alta natura, di tipo architettonico, artistico, luci ed ombre, colpo d'occhio, mai qualcosa di pratico e concreto...
Toccavamo addirittura i massimi sistemi o il valore morale esaltato dall'angolo a 90 gradi della parete della libreria ( dell'ikea, per giunta, e questo vi fa capire il valore artistico delle diatribe) !
Fino a quando non è arrivato il nostro patatino...da allora in poi le cose sono cambiate, e non solo nella disposizione dei mobili o dei ninnoli, sono proprio cambiate! E' crollata la parte di legno della lavastoviglie, la verandina è diventata uno sgabuzzino, le cornici di foto sulla cassapanca sono diventate oggetti da selezionare per la raccolta differenziata!
Il nostro dolce Patatino ci ha finalmente messo d'accordo! Su una cosa siamo certi e armoniosi, l'oggetto in questione deve essere assolutamente, categoricamente, improrogabilmente FUORI DALLA PORTATA di Patatino...il resto è superfluo e noi due non litighiamo più!

Commenti

  1. Pensa che, tempo fa, spolverando la libreria, mi sono accorta che mancava un gattino di legno... Sono andata direttamente nel cesto dei giochi della più piccolina e... trovato!!! Non decidiamo più dove mettere le cose, lo decidono loro!!!

    RispondiElimina
  2. è proprio vero.. quante cose cambiano con l'arrivo di un bimbo!!

    RispondiElimina
  3. Ti capisco benissimo. Anche qui funziona così. Per giunta, la libreria devo ancora comprarla (da 10 anni più o meno) ma lo farò al più presto: libri in basso e qualche oggettino simpatico in alto, molto in alto! Ah! Se passi da me c'è un premio per te (vedi post "Ringraziamenti"). Ciao.

    RispondiElimina

Posta un commento

inciuci & commenti...

Post popolari in questo blog

Ogni scusa è buona!

Ogni scusa è buona per il mio Polpettino piccolo per non andare all'asilo:
Scusa medico/teatrale: tosse finta con conati di vomito...
Scusa pietistica: "i piccoli devono stare a casa con la loro mamma"...
Scusa causa di forza maggiore: "l'asilo è chiuso"...
ed infine motivazione del tipo"mamma hai un anticipo di alzheimer" mista a motivazione fantascientifica: "Mamma, ti sei sbagliata, oggi è di nuovo domenica non è lunedì" !!!



Tu lavori?

Ho deciso...da oggi se mi dovessero chiedere "Ma tu lavori?"...io risponderò :"Non fuori casa"! ( e dentro penserò: chi si fa i c...i suoi campa cent'anni!)

Ansia !

Ieri abbiamo affrontato la seconda seduta di neuropsicomotricità...il Polpettino sembra non avere particolari difetti fisici e la sua inibizione ed il suo rallentamento nel coordinare gli arti inferiori secondo la Doc. tutta frizzi e lazzi è dovuto ad uno stato d'ansia....


Che ansia!!! Quando mi ha comunicato questa cosa ho incominciato a passare in rassegna tutto quello che avrei potuto aver fatto per provocargli ansia...ma la Doc. tutta frizzi e lazzi mi ha detto che il suo stato di paura non dipenderebbe dalle mie di ansie!

Eppure questa cosa ha fatto scattare in me una sorta di senso di allerta, ho ripensato alla predisposizione alla depressione dei parenti di mio marito, nello specifico alle malattie psicologiche dei miei nuoceri, alla mia di ansia che però riesco a gestire bene infatti all'apparenza, nel sociale, tutto risulto fuorchè ansiosa...all'ansia mascherata da sicurezza di mio marito, che spesso mi tocca rassicurare e raccogliere con il cucchiaino quando anch…