Passa ai contenuti principali

Situazioni imbarazzanti....

Una delle situazioni in cui mi trovo davvero in forte imbarazzo e nella quale vorrei sempre sprofondare tre metri sotto terra è quando sono a tavola con i miei suoceri/nuoceri.
Dovete sapere che Potolina è di una lentezza cronica a tavola, aggiungici che il Patatino  richiede sempre un miliardo di attenzioni ed ecco che la frittata è fatta! Con il tempo ho imparato a velocizzarmi, soprattutto quando lavoravo e la mia pausa pranzo era brevissima, per cui, se proprio non volevo morir di fame, ho imparato a velocizzarmi all'ennesima potenza delle mie reali possibilità...ma i miei suoceri sono davvero allucinanti...non credo mastichino, perciò hanno tutti i denti forti e resistenti, non li usano! Ingurgitano! Qualche domenica fa, solito pranzo, mentre loro passano alla frutta io sto ancora con il secondo nel piatto e nemmeno ho finito la metà che mio suocero mi dice: "Tu fai con calma, non ti preoccupare che noi ti aspettiamo...Genoveffa ( nome taroccato di mia suocera) prepara il caffè...dai che devo andare a vedere la partita!!!"....Ecco, in quel momento mi sono letteralmente bloccata, tanto che ho finto di essere sazia  ed ho lasciato tutto nel piatto così com'era. La cosa che mi imbarazza è avere "gli occhi addosso" mentre mangio...e soprattutto che qualcuno sottolinei la mia lentezza! Il risultato è che tutte le volte che torno a casa dopo aver pranzato con loro ho una fame che non ci vedo e in più il solo pensiero di dover pranzare con loro mi fa ulteriormente chiudere lo stomaco! Lo so, sono patologica, ma qualche volta potrebbero anche far finta di aspettarmi...quando li vedo mangiare così voracemente mi sale un'ansia da brivido!!! Certe volte penso che Potolina è vero, sì, che si faccia mille paturnie, che, per dirla alla Troisi, altro che complessi, tiene le orchestre in testa!!! Ma alle volte penso pure che il "contorno" di Potolina proprio non aiuti a essere un pochino più semplice...Mio marito dice che devo sbattermene...io gli ho risposto che se almeno lui mi aspettasse per me sarebbe più semplice "sbattermene!!!"...Sono tutti bravi a parlare, a elargire consigli, quando alle volte basterebbe così poco per far sentire le persone che amiamo meno sole...Vabbè, domani pranzo dai nuoceri...vi farò sapere, mal che vada mi ripeterò che " chi va piano va sano e va lontano"...se così non fosse mando io qualcuno "lontano"...ma moooooooolto lontano e in questo caso nessun tipo di lentezza è tollerata, che ci vada il più velocemente possibile!!!

Commenti

  1. Io ho il problema contrario, riesco a finire tutto in un nano secondo. Gli altri no. Così cerco di rallentarmi ma non ci riesco mica tanto... Dovremmo scambiarci di posto in queste occasioni :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bè...ma almeno ci provi....è lodevole! ;-)

      Elimina
  2. Ma quante volte, figliola, quante volte... ;)
    devi sottostare al pranzo con i suoceri?
    Se diventano troppe, devi assolutamente ridurle, anche le medicine che fanno guarire vanno prese a piccole dosi, figurati le cose che fanno "star male"! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ih ih ih!!! Mi hai fatto morir dal ridere!!!!;-P

      Elimina
  3. le visite dai suoceri vanno calibrate attentamente.Te lo dice una suocera che,pur essendo felice di avere i suoi cari a pranzo,è altrettanto felice nel non averli.Io sono una idrovora ma attendo pazientemente i ritardatari gingillandomi con un pezzetto di pane.In genere chi mangia molto lentamente da sempre l'impressione di non gradire quel che ha nel piatto.Ma tu sei simpaticissima e ha ragione tuo marito:non ti creare problemi.
    stefi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh mio Dio....non ci avevo pensato a sta cosa di dare l'impressione di non gradire!!!!! doamni sottolineo che la loro cucina mi piace!!!! ;-P

      Elimina
  4. Mi ha fatto proprio ridere il nome camuffato di tua suocera: guarda caso è proprio quello di una SIMPATICISSIMA sorellastra di Cenerentola... :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ih ih ih !!!! sono perfida come la matrigna!!!

      Elimina
  5. Come ti capisco anch'io le rare(x fortuna) volte che vado a cena a loro ho l'ansia xchè mi fanno mangiare con l'imbuto e ad orari da ospedale...durissima!!

    RispondiElimina
  6. anche io domani dai nuoceri! e ci sarà anche la grande matriarca nonna bis!!! che mi prende sempre di mira...per i miei capelli...bello vincere facile!

    RispondiElimina
  7. Nuoceri mi piace, comincerò anch'io a chiamarli così.
    La mia Genoveffa la vedo stasera e c'ho già la gastrite :(

    RispondiElimina

Posta un commento

inciuci & commenti...

Post popolari in questo blog

Ogni scusa è buona!

Ogni scusa è buona per il mio Polpettino piccolo per non andare all'asilo:
Scusa medico/teatrale: tosse finta con conati di vomito...
Scusa pietistica: "i piccoli devono stare a casa con la loro mamma"...
Scusa causa di forza maggiore: "l'asilo è chiuso"...
ed infine motivazione del tipo"mamma hai un anticipo di alzheimer" mista a motivazione fantascientifica: "Mamma, ti sei sbagliata, oggi è di nuovo domenica non è lunedì" !!!



Tu lavori?

Ho deciso...da oggi se mi dovessero chiedere "Ma tu lavori?"...io risponderò :"Non fuori casa"! ( e dentro penserò: chi si fa i c...i suoi campa cent'anni!)

Ansia !

Ieri abbiamo affrontato la seconda seduta di neuropsicomotricità...il Polpettino sembra non avere particolari difetti fisici e la sua inibizione ed il suo rallentamento nel coordinare gli arti inferiori secondo la Doc. tutta frizzi e lazzi è dovuto ad uno stato d'ansia....


Che ansia!!! Quando mi ha comunicato questa cosa ho incominciato a passare in rassegna tutto quello che avrei potuto aver fatto per provocargli ansia...ma la Doc. tutta frizzi e lazzi mi ha detto che il suo stato di paura non dipenderebbe dalle mie di ansie!

Eppure questa cosa ha fatto scattare in me una sorta di senso di allerta, ho ripensato alla predisposizione alla depressione dei parenti di mio marito, nello specifico alle malattie psicologiche dei miei nuoceri, alla mia di ansia che però riesco a gestire bene infatti all'apparenza, nel sociale, tutto risulto fuorchè ansiosa...all'ansia mascherata da sicurezza di mio marito, che spesso mi tocca rassicurare e raccogliere con il cucchiaino quando anch…