Passa ai contenuti principali

San Giuseppe....un "dolce" papà !!!!



E chi lo dice che per festeggiare il Papà si deve per forza aspettare che il nostro fagottino veda la luce!?!?!!? In collegamento direttamente dal pancione della mamma può fare gli auguri al suo dolce Papà!!! E così è stato...il nostro bimbetto mi ha incaricato di comprare un regalino e di preparare un dolce per festeggiare questa festa!!! Le zeppole di San Giuseppe mi sembrano il dolce più azzeccato...ancora una volta una ricetta napoletana su una tavola piemontese!!!

Zeppole di San Giuseppe

Ingredienti:

500 gr. di farina tipo 00
50 gr. di zucchero
100 gr. di burro ( possibilmente "Vacche rosse")
7 uova
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina
1 bustina di zucchero impalpabile vanigliato
1/2 kg di farina,olio per friggere ( io uso il Friol e mi trovo molto bene!!!)

Per preparare la crema pasticciera:
2,5 dl di latte
3 tuorli d'uovo
60 gr. di zucchero
20 gr. di farina bianca,
1 pezzetto di scorza di limone
1 pezzetto di stecca di vaniglia
Come si prepara?
Cominciamo con la crema pasticciera: fate bollire il latte con la scorza di limone e la vaniglia. Mettete in una terrina i tuorli d'uovo e girateli mescolandoli con lo zucchero fino a che non vedete comparire una bella una crema spumosa; a questo punto unite la farina e continuate a lavorare con una spatola. Prelevate la vaniglia e la scorza dal latte e versatelo, poco per volta, aggiungendolo al composto, continuando a mescolare ben bene. Versate "il pasticcio" ottenuto in un tegame a fondo concavo e fate cuocere a fiamma bassa, continuando a mescolare ma non arrivate all'ebollizione!!!. A questo punto la crema in una terrina e lasciatela intiepidire, mescolando ripetutamente.
E le zeppole?
Mettete sul fuoco un tegame e versatevi dentro con 4 bicchieri di acqua, il burro e un pizzico di sale; non appena si comincia a bollire,
toglietelo dal fuoco ed aggiungetevu la farina fatta cadere lentamente, mescolando con tutta la forza che avete con un cucchiaio. Rimettete il pasticcio sul fuoco e continuate a mescolare e anche se a questo punto un pò vi farà male il braccio continuate fino a quando si
stacchera' dal fondo e dalla parete del tegame.
Lasciate raffreddare ed unire lo zucchero, le uova, la vanillina e per ultimo il lievito vanigliato.
Prelevate una cucchiaiata di pasta ed arrottolatela tra le mani fino ad ottenere un salsicciotto con il quale formare una ciambella, continuando fino all'esaurimento dell'impasto.
Friggete le zeppole in una padella contenente abbondante olio caldo; appena tolte lasciarle sgocciolare su un foglio di carta assorbente. Disponetele sul piatto da portata, guarnitele con la crema pasticciera e con sciroppo di amarena, e a questo punto ci vuole proprio una bella amarena candita sulla torta...ehm...sulla zeppola!!!

Buona festa del Papà!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Ogni scusa è buona!

Ogni scusa è buona per il mio Polpettino piccolo per non andare all'asilo:
Scusa medico/teatrale: tosse finta con conati di vomito...
Scusa pietistica: "i piccoli devono stare a casa con la loro mamma"...
Scusa causa di forza maggiore: "l'asilo è chiuso"...
ed infine motivazione del tipo"mamma hai un anticipo di alzheimer" mista a motivazione fantascientifica: "Mamma, ti sei sbagliata, oggi è di nuovo domenica non è lunedì" !!!



Tu lavori?

Ho deciso...da oggi se mi dovessero chiedere "Ma tu lavori?"...io risponderò :"Non fuori casa"! ( e dentro penserò: chi si fa i c...i suoi campa cent'anni!)

Ansia !

Ieri abbiamo affrontato la seconda seduta di neuropsicomotricità...il Polpettino sembra non avere particolari difetti fisici e la sua inibizione ed il suo rallentamento nel coordinare gli arti inferiori secondo la Doc. tutta frizzi e lazzi è dovuto ad uno stato d'ansia....


Che ansia!!! Quando mi ha comunicato questa cosa ho incominciato a passare in rassegna tutto quello che avrei potuto aver fatto per provocargli ansia...ma la Doc. tutta frizzi e lazzi mi ha detto che il suo stato di paura non dipenderebbe dalle mie di ansie!

Eppure questa cosa ha fatto scattare in me una sorta di senso di allerta, ho ripensato alla predisposizione alla depressione dei parenti di mio marito, nello specifico alle malattie psicologiche dei miei nuoceri, alla mia di ansia che però riesco a gestire bene infatti all'apparenza, nel sociale, tutto risulto fuorchè ansiosa...all'ansia mascherata da sicurezza di mio marito, che spesso mi tocca rassicurare e raccogliere con il cucchiaino quando anch…