Passa ai contenuti principali

Il Compagno di una vita...!!!


Mi è sempre stato vicino nei momenti più importanti della mia vita: il primo giorno di scuola alle elementari, il primo giorno di scuola alle medie, il giorno della mia laurea, il giorno del mio matrimonio, per tre giorni in crociera in viaggio di nozze e pure quando ho partorito ( ma quella volta era anticipatamente prevista la sua presenza)…sì…parlo proprio di lui :W. di nome e C. di cognome…!
Non si può certo dire che sono debole di stomaco ( non sopravviverei ai pranzetti preparati dal mio amatissimo suocero altrimenti!) ma debole di pancia sì… e pure troppo, purtroppo!!!

Ricordo che quando alle elementari la maestra mi chiamava, e non solo per le interrogazioni, anche semplicemente per dire:
” Chiudi la finestra per favore?” la mia ansia generava un groviglio di aria unito a uno tsunami potente, una guerra “intestina” più che clandestina, un cataclisma universale che ha sempre animato il mio dolce e delicatissimo pancino…il risultato era sempre un’emissione d’aria ( immaginerete a cosa mi riferisco e non sto qui a descrivere per doveroso senso del pudore) che sfociava sempre in un’esclamazione spontanea del mio malcapitato compagno di banco: “ Che puzza!!! “…e io, timida, rossa come un peperone, mi giustificavo cercando di simulare indifferenza dicendo: “ Magari si sono rotte le fogne della scuola o sono i fumi della Solfatara portati dal vento (che fervida fantasia!)” ( da tener presente che la Solfatara è un luogo vicino Pozzuoli che emana esalazioni sulfuree, situata in ex crateri vulcanici, la cui unica attività attuale è soffocare chiunque ci si addentri oltre che lasciare l’olezzo di uovo marcio misto a zolfo tra i capelli delle giovani donzelle, e non solo, per circa due/tre giorni…). Tanto era potente l’odore, che il mio compagno di classe credeva puntualmente a quella pietosa bugia e partivano disquisizioni sulla presunta imminente eruzione del Vesuvio (considerati i segnali premonitori, poco ci mancava!!!) ed io mi convincevo sempre più che avrei potuto fare l’attrice da grande!!!

Non parliamo poi del mio primo bacio...Un’emozione fortissima, direi “esplosiva”, che tutte sin da bambine, sin da quando il principe azzurro fa resuscitare la Bella addormentata nel bosco, sogniamo. Bene, dopo aver aspettato ben lunghi lunghissimi diciotto anni, nel momento topico, romantico, clou, che avevo sognato mille e una volta, ho dovuto dribblare con una scusa per allontanarmi istantaneamente, stile Laura Efrikian e Gianni Morandi nei film in bianco e nero dove lei, la brava ragazza, era sempre sfuggente e prima di concedere un bacio doveva far percorrere di corsa chilometri e chilometri a Gianni Morandi che alla fine, arrivato alla meta, sembrava avesse partecipato ad una estenuante maratona…solo che la maratona quella volta l’ho fatta io! Tutto ciò per non immergere il momento magico in un’aura ancora più “magica” che di certo avrebbe reso il momento ancora più “indimenticabile”…in quel caso sarebbero resuscitati anche i morti e non solo la Bella Addormentata!!!
Sono patologica. Lo so!
Diciamo che ho un indicatore di emozioni ed ansia incorporato nella mia pancia, e un’unica immagine, chiara, limpida, indelebile, che mi accompagna in ogni momento importante della mia vita: lui, il mio compagno di una vita, sempre pronto a raccogliere ogni mia ansia e ogni mia emozione…non potevo non dedicargli almeno un post!!!

Commenti

  1. Potresti scriverci un libro....ahahahahahahahah...bacioni e buonanotte, ciao Flavia

    RispondiElimina
  2. Eh già un libro dal titolo "I mal di pancia di Potolina!"
    Divertente la storia e brava,non conosco molte persone che hanno il coraggio di raccontare queste diciamo disavventure!

    Ciao ,buona serata!

    RispondiElimina
  3. CHE DIRE???

    "M A G I C A MENTE"!...o preferisci...

    MAGICAMENTE?

    FORTISSIMA! NI

    RispondiElimina
  4. Mal comune mezzo gaudio...consolati...sei in ottima compagnia!!!

    RispondiElimina
  5. e io che dopo aver letto le prime righe mi aspettavo un racconto melanconico!
    meglio così mi hai fatto ridere!

    Ciao e grazie per aver visistato il mio blog!
    A presto

    www.dalbrucoallafarfalla.blogspo.com

    RispondiElimina
  6. complimentio per il coraggio.

    RispondiElimina
  7. ...ahhhh ahhh non sai quanto sto ridendo,stasera la leggo al mio ragazzo,purtroppo le Solfatare si sono trasferite qui..ma solo dopo le 18 e nei giorni festivi...(quando è in casa!!!!).Lui sostiene che siano gas prodotti al pianterreno da reazioni chimiche incontrollabili...ed io...subisco!.

    RispondiElimina
  8. Accidenti!!!!
    Allora io dovrei scrivere un post sul problema opposto? Per me il bagno potrebbe pure essere murato!

    RispondiElimina
  9. hihihih che bello un post dedicato al wc non me lo sarei aspettato..cmq anche a me ha fatto compagnia in tanti momenti difficili!!!!!

    RispondiElimina
  10. ahahahahahahah questo post è MERAVIGLIOSO me lo sono letta tutta d'un fiato ahahah sei una grande ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

inciuci & commenti...

Post popolari in questo blog

Ogni scusa è buona!

Ogni scusa è buona per il mio Polpettino piccolo per non andare all'asilo:
Scusa medico/teatrale: tosse finta con conati di vomito...
Scusa pietistica: "i piccoli devono stare a casa con la loro mamma"...
Scusa causa di forza maggiore: "l'asilo è chiuso"...
ed infine motivazione del tipo"mamma hai un anticipo di alzheimer" mista a motivazione fantascientifica: "Mamma, ti sei sbagliata, oggi è di nuovo domenica non è lunedì" !!!



Tu lavori?

Ho deciso...da oggi se mi dovessero chiedere "Ma tu lavori?"...io risponderò :"Non fuori casa"! ( e dentro penserò: chi si fa i c...i suoi campa cent'anni!)

Ansia !

Ieri abbiamo affrontato la seconda seduta di neuropsicomotricità...il Polpettino sembra non avere particolari difetti fisici e la sua inibizione ed il suo rallentamento nel coordinare gli arti inferiori secondo la Doc. tutta frizzi e lazzi è dovuto ad uno stato d'ansia....


Che ansia!!! Quando mi ha comunicato questa cosa ho incominciato a passare in rassegna tutto quello che avrei potuto aver fatto per provocargli ansia...ma la Doc. tutta frizzi e lazzi mi ha detto che il suo stato di paura non dipenderebbe dalle mie di ansie!

Eppure questa cosa ha fatto scattare in me una sorta di senso di allerta, ho ripensato alla predisposizione alla depressione dei parenti di mio marito, nello specifico alle malattie psicologiche dei miei nuoceri, alla mia di ansia che però riesco a gestire bene infatti all'apparenza, nel sociale, tutto risulto fuorchè ansiosa...all'ansia mascherata da sicurezza di mio marito, che spesso mi tocca rassicurare e raccogliere con il cucchiaino quando anch…