Passa ai contenuti principali

Il più bel treno!


E’ strano…quella stazione in cui tutti corrono, in cui tutti si vedono senza guardarsi, in cui tutto scorre perché c’è una partenza e una meta da raggiungere, in quella stazione abbiamo intrapreso il viaggio più bello della nostra vita… in quella stazione ci siamo riconosciuti.
Spesso quel treno che abbiamo colto un po’ per caso, un po’ per fortuna direi, si è fermato, ha fatto ritardo o era troppo in anticipo; qualche volta siamo scesi, a turno, altre volte era troppo affollato, siamo rimasti schiacciati, altre volte ci ha portato in un sogno fantastico…quante volte abbiamo immaginato la meta, quante volte abbiamo cancellato e ridisegnato tutto, punto e a capo, e oggi su quel treno anziano di dieci anni siamo in tre…questo treno è il più accogliente che abbia mai preso, il più confortevole, il più eccitante, il più bel treno della mia vita!
“….e con la grazia di Cristo, prometto di esserti fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarti e onorarti tutti i giorni della mia vita!”…

Commenti

  1. che bella dichiarazione d'amore...wow...

    RispondiElimina
  2. bellissimo post... ma quelle sono davvero le vostre mani???
    un abbraccio
    mammamatta

    RispondiElimina
  3. sì,sì, proprio le nostre mani nel giorno del nostro matrimonio!!! ;-)

    RispondiElimina
  4. bellissimo!! la grazia di dio cioè sapere che quello che fai è amorevole, buono e giusto sincronizzato nell'eterno presente, coscienti che tu riconosci dio e lui sta riconoscendo te! possiamo solo sperarlo ...ma in effetti la speranza è la CERTEZZA della gloria futura...quindi è il concetto più bello che si possa dedicare all'uomo compagno di vita per sempre.
    con affetto lucia

    RispondiElimina
  5. che romantica questa dichiarazione...

    RispondiElimina
  6. ..che questa avventura vi doni tantissimo amore,ogni giorno !.

    RispondiElimina

Posta un commento

inciuci & commenti...

Post popolari in questo blog

Ogni scusa è buona!

Ogni scusa è buona per il mio Polpettino piccolo per non andare all'asilo:
Scusa medico/teatrale: tosse finta con conati di vomito...
Scusa pietistica: "i piccoli devono stare a casa con la loro mamma"...
Scusa causa di forza maggiore: "l'asilo è chiuso"...
ed infine motivazione del tipo"mamma hai un anticipo di alzheimer" mista a motivazione fantascientifica: "Mamma, ti sei sbagliata, oggi è di nuovo domenica non è lunedì" !!!



Tu lavori?

Ho deciso...da oggi se mi dovessero chiedere "Ma tu lavori?"...io risponderò :"Non fuori casa"! ( e dentro penserò: chi si fa i c...i suoi campa cent'anni!)

Ansia !

Ieri abbiamo affrontato la seconda seduta di neuropsicomotricità...il Polpettino sembra non avere particolari difetti fisici e la sua inibizione ed il suo rallentamento nel coordinare gli arti inferiori secondo la Doc. tutta frizzi e lazzi è dovuto ad uno stato d'ansia....


Che ansia!!! Quando mi ha comunicato questa cosa ho incominciato a passare in rassegna tutto quello che avrei potuto aver fatto per provocargli ansia...ma la Doc. tutta frizzi e lazzi mi ha detto che il suo stato di paura non dipenderebbe dalle mie di ansie!

Eppure questa cosa ha fatto scattare in me una sorta di senso di allerta, ho ripensato alla predisposizione alla depressione dei parenti di mio marito, nello specifico alle malattie psicologiche dei miei nuoceri, alla mia di ansia che però riesco a gestire bene infatti all'apparenza, nel sociale, tutto risulto fuorchè ansiosa...all'ansia mascherata da sicurezza di mio marito, che spesso mi tocca rassicurare e raccogliere con il cucchiaino quando anch…