Passa ai contenuti principali

Semplicità o....?


Spesso mi ritrovo a chiedermi che cosa sia davvero la semplicità...quella che non si deve confondere con l'essere "sempliciotta" che sa tanto di superficialità...
E' molto difficile essere "semplici", liberarsi di schemi mentali, che vuoi per indole, che vuoi per educazione, che vuoi per ambienti svariegati frequentati, si sono rafforzati costituendo strati e strati di convenzioni che separano di gran lunga il cuore, il vero sentire, dal comportamento.
Spesso, rendendomi conto di non essere una cima nell'affrontare questioni della mia quotidianità in accezioni per così dire "filosofiche", traendo da ogni piccolo gesto quotidiano delle "massime filosofiche", mi sento piccola piccola ed inadatta...a volte mi limito a vivere la mia vita, il mio mondo, le mie piccole cose cercando di trarne quanto più gioia, e non solo giovamento, anzi, non sempre, possibile!
Spesso mi vergogno di essermi rinchiusa nel mio piccolo mondo, fatto di pappe, letti da rifare, spesa, beghe con suoceri ecc..ecc, rendendomi conto che sono così inetta nell'affrontare questioni mondiali, ambientaliste, religiose, politiche...
La mia casetta, le mie abitudini, la mia nuova condizione di moglie-mamma-casalinga, con tutte le preoccupazioni, con tutti gli affanni, con tutti i salti mortali annessi e connessi, è diventata così rassicurante che sembrano così lontani i tempi in cui la mia logorrìa toccava temi "universali", che adesso mi sembrano così inutili e a volte così banali, ripetitivi, per me quando li sento pronunciare dalle bocche altrui...mi sto inaridendo o sto sviluppando una forma di intolleranza per "il già sentito"?
Mi chiedo se questa è paura del confronto, nausea per un certo tipo di discorsi, voglia di vivere il presente, gioia nell'affrontare una quotidianità appagante...prospettive diverse da cui oggi vedo le cose...
Non lo so, so solo che adesso vado a preparare il sugo per mio marito e mio figlio e in quel sugo c'è tutto il mio mondo...semplicemente il mio mondo!

Commenti

  1. ti capisco, Potolina. Anche io mi faccio la stessa domanda: a volte le nostre piccole sicurezze ci confortano talmente tanto che uscire dal guscio diventa un po' complicato.
    ma già il fattoc he ci facciamo questa domanda, non ti sembra filosofia di vita???

    RispondiElimina
  2. ecco che il cambio di stagione incomincia a farsi sentire, ed ecco che diventiamo più fragili e vulnerabili!
    Tranquilla cara, non sei da sola, siamo in tante a farti compagnia e questo è già un passo avanti!
    Il tuo mondo in realtà è splendido e infinito perchè lo hai costruito tu e devi esserne fiera, le questioni filosofiche lasciamole a qualcun'altro, e noi ci "limiteremo" a parlare di pappine, ricette e letti da rifare, anzi ora devo andare a vangare il mio praticello (che sempra che ci sia atterrato un ufo sopra)....un abbraccio forte
    CRI

    RispondiElimina
  3. @ Corie: bè, non hai tutti i torti a pensarci bene!

    @ Cri: dici sia il cambiamento climatico a indurmi a certi pensieri?...bè allora meglio concentrarsi sul sugo! ;-P

    RispondiElimina

Posta un commento

inciuci & commenti...

Post popolari in questo blog

Ogni scusa è buona!

Ogni scusa è buona per il mio Polpettino piccolo per non andare all'asilo:
Scusa medico/teatrale: tosse finta con conati di vomito...
Scusa pietistica: "i piccoli devono stare a casa con la loro mamma"...
Scusa causa di forza maggiore: "l'asilo è chiuso"...
ed infine motivazione del tipo"mamma hai un anticipo di alzheimer" mista a motivazione fantascientifica: "Mamma, ti sei sbagliata, oggi è di nuovo domenica non è lunedì" !!!



Tu lavori?

Ho deciso...da oggi se mi dovessero chiedere "Ma tu lavori?"...io risponderò :"Non fuori casa"! ( e dentro penserò: chi si fa i c...i suoi campa cent'anni!)

Ansia !

Ieri abbiamo affrontato la seconda seduta di neuropsicomotricità...il Polpettino sembra non avere particolari difetti fisici e la sua inibizione ed il suo rallentamento nel coordinare gli arti inferiori secondo la Doc. tutta frizzi e lazzi è dovuto ad uno stato d'ansia....


Che ansia!!! Quando mi ha comunicato questa cosa ho incominciato a passare in rassegna tutto quello che avrei potuto aver fatto per provocargli ansia...ma la Doc. tutta frizzi e lazzi mi ha detto che il suo stato di paura non dipenderebbe dalle mie di ansie!

Eppure questa cosa ha fatto scattare in me una sorta di senso di allerta, ho ripensato alla predisposizione alla depressione dei parenti di mio marito, nello specifico alle malattie psicologiche dei miei nuoceri, alla mia di ansia che però riesco a gestire bene infatti all'apparenza, nel sociale, tutto risulto fuorchè ansiosa...all'ansia mascherata da sicurezza di mio marito, che spesso mi tocca rassicurare e raccogliere con il cucchiaino quando anch…